domingo, 21 de novembro de 2010

"N"

NÃO É FÁCIL (Non è facile avere 18 anni)
(M. Cantini - A. Bernabini - Jorginho Ferreira - Cema Ferreira)

Não é fácil chegar aos quinze anos
Nada fácil falar de amor
Não, não é fácil te sentir
Assim perto de mim
Teu perfume solto pelo ar
E essa luz do luar

Não é fácil dizer: "Te quero tanto!"
O teu abraço e um beijo também
Não, não é fácil! Não, não é fácil não
Quando se ama como eu amo você

Non è facile avere quindici anni
Non è facile quando si ama così
Non è facile perché lui, lui non si accorgi di te
Forse pensa che tu a questa età
Tu sia incapace d'amar

Oh, no! Non è facile dire: "Ti voglio bene!"
Perché, perché ormai lo sai lui riderebbe di te
No, non è facile! No, non è facile
Quando tu ami mentre lui non ama te
Quando tu ami mentre lui non ama te...

GABRIELA & RITA PAVONE - 1988
* * *
NATA IERI
(C. De Natale - B. Corbucci - G. e M. De Angelis)

Ah! Nata ieri, l'ingenuità
È la scusa più sicura
Nata ieri, che bella età
Darla a bere e tutto va

I pensieri, tu non ce l'hai
Se sei brava a far l'ingenua
È una drittata fingere d'esser così
Fai la tonta e tutto è OK!

Nata ieri, puoi domandar
Perché mai la neve è bianca?
Nata ieri, tu puoi ignorar
Tre per nove, quanto fa?

Dai toreri ti fai spiegar:
"Perché il toro ci ha le corna?"
E tieni a bada il bellimbusto
Che vuole fare l'amor dicendo:
"No! Mi viene il raffreddor!"

Ma, nata ieri i misteri della vita non sa
Che beata stupidità, ah, ah, ah!
Chi nasce oggi, invece è groggy dalla tenera età
Evviva l'ingenuità! Hih!

(strumentale) *

Huh! (*) Piti, piti, piti, piti, piti! (*) Ahhh! (*) Huh, huh, huh! (*) Huh! (*)

Nata ieri, tu puoi domandar
Perché il mare sa di sale?
Nata ieri, tu puoi ignorar
Di Pitagora, l'età

I pompieri tu puoi chiamar
Per far spegnere la luce
E al fidanzato tu puoi dire:
"Per aver i bambin?
 Sì, certo! Sotto i cavoli in giardin!"

La nata ieri i misteri della vita non sa
Che beata stupidità, ah, ah, ah!
Chi nasce oggi, invece è groggy dalla tenera età
Evviva l'ingenuità! Badah, badah! Ah!

RITA PAVONE - 1975
Grazie ad A. Arenas per copiare il testo della canzone, soltanto sentindola del disco. Anche grazie a C. Tomeo, per la revisione finale del testo.
* * *
NEL BLU DIPINTO DI BLU (Volare)
(Modugno - Migliacci)

Penso che un sogno così
Non ritorni mai più
Mi dipengevo de mani
E la faccia di blu

Poi, d'improvviso, venivo
Dal vento rapita
E incominciavo a volare
Nel cielo infinito

Volare... Woh, oh, oh
Cantare... Woh, oh, oh
Nel blu dipinta di blu
Felice di stare lassù

E volavo, volavo felice
Più in alto del sole
Ed ancora più sù

Mentre il mondo pian, piano
Spariva lontano, laggiù
Una musica dolce suonava
Soltanto per me

* Volare... Woh, oh, oh
* Cantare... Woh, oh, oh
* Nel blu dipinta di blu
* Felice di stare lassù

* (ripetere)

Nel blu, dipinta di blu
Felice di stare lassù
Nel blu, dipinta di blu
Felice di stare lassù...

RITA PAVONE - 1969
* * *
NELLA MIA STANZA
(Dell'Orso - Tamborelli - Rossi)

È l'alba e la gente verso il sole se ne va
La luce sta scoprendo la città
Già sento per le strade, dei motori, il mormorio
Il mondo, io lo so, è felice, mentre io...

Nella mia stanza sto piangendo per te
Mi fai soffrire e non lo sai
Cerco di odiarti e invece t'amo perché
Piangendo cerco i baci tuoi

Vorrei vestirmi come tante, anch'io
Correre giù per la città
Ma ho gli occhi rossi e questo pianto d'addio
Mi fa persino vergogna

La voce dei bambini che cominciano a giocar
Pian, piano sta arrivando fino a me
Vorrei, come un tempo ritornar bambina, anch'io
Perché loro stanno lì son felice, mentre io...

* Nella mia stanza sto piangendo per te
* Mi fai soffrire e non lo sai
* Cerco di odiarti e invece t'amo perché
* Piangendo cerco i baci tuoi

* Vorrei vestirmi come tante, anch'io
* Correre giù per la città
* Ma ho gli occhi rossi e questo pianto d'addio
* Mi fa persino vergogna...

* (ripetere)

RITA PAVONE - 1968
* * *
NIENTE DI SIMILE AL MONDO
(Leslie Bricusse - A. Amurri - C. Nistri)

Non c'è niente di simile al mondo
Ma niente di simile al mondo
Proprio niente di simile al mondo, credi a me

Ho visto ciò che nessuno vide mai
Cavalli e talpe con gli occhiali e col monocolo
Ho visto un gatto salvare un pesce che
Stava affogando nell'immenso mar

Fu come fu, dire non so
Certo, però, sembra là proprio un sogno
Chissà com'è, forse perché
Dottor Dolittle era qui con me
Fatto sta, che per me, per quello che ne so

No! Non c'è niente di simile al mondo
Ma niente di simile al mondo
Proprio niente di simile al mondo, credi a me

Io ho visto ciò che nessuno vide mai
Un lama con due teste bisticciare tra di sé
Un coccodrillo che piangere non sa
E somarelli che sanno più di noi

Ho visto ciò che nessuno vide mai
Un elefante svolazzare tra le nuvole
Un porcellino che usa la coti'
Tre tartarughe con la corazza a pois

Fu come fu, dire non so
Certo, però, sempra là proprio un sogno
Chissà com'è, forse perché
Dottor Dolittle era lì con me
Fatto sta, che per me, per quello che ne so

No! Non c'è niente di simile al mondo
Ma niente di simile al mondo
Proprio niente di simile al mondo, credi a me

Ho visto ciò che nessuno vide mai
Un usignolo far l'assolo di sassofono
Un millepiedi ballare il charleston
E cani e gatti amarsi più di noi

Ho visto ciò che nessuno vide mai
Una giraffa fare il palo telegrafico
Un pappagallo venuto dal Peru
Che conosceva duemila lingue e più

Non c'è niente di simile al mondo
Ma niente di simile al mondo
Proprio niente di simile al mondo, credi?
Niente di simili al mondo, credi a me!

RITA PAVONE - 1968
* * *
NINNA NANNA DEL FORMICHINO
(G. Moraschi - B. Paolinelli)

Dormi, dormi, formichino
Che la mamma ti è vicino
Dormi e sogna cose belle
Nella luce delle stelle

Ogni stella ha una formica
Che dei bimbi è tanto amica
E da quelli molto buoni
Lei regala i più bei doni

Son trenini, bamboline
Orsachiotti e trottoline
Aquiloni, palloncini
Per la gioia dei bambini

(strumentale)

Dormi, dormi, formichino
La tua mamma ti è vicino
Dormi lieto, fai la nanna
Tra le braccia della mamma

La sua mano ti accarezza
Con lievissima dolcezza
E ti stringe forte al cuore
Forte, forte, con amore

Dormi, dormi, formichino
Che la mamma ti è vicino
Dormi e sogna cose belle
Nella luce delle stelle.

RITA PAVONE - 1968
* * *
NO ES FÁCIL TENER 18 AÑOS
(Non è facile avere 18 anni)
(Bernabini - Ben Molar)

No tan fácil es tener dieciocho años
Y que difícil es tener sin saber
Y se despierta a los sueños de felicidad
Juventud que nos hace sentir inquietudes de amor

No, no... No tan fácil es tener dieciocho años
Y que difícil es esperar la verdad
No tan fácil es, todo es timidez
Cuando llega la edad de querer

(Non è facile aver diciotto anni
 Non è facile amare così)

Oh, no, no! No, no, no!
No tan fácil es, todo es timidez
Cuando llega la edad de querer!

RITA PAVONE - 1964
* * *
NO LO PUEDO OLVIDAR (Lui)
(Migliacci - Enríquez - Zambrini - J. Finkel)

Yo, no lo puedo olvidar
Yo, necesito su amor

Él... (Él) Vive en mi corazón
Él... (Él) En mis lágrimas vivirá
Y ahora que muy sola estoy
Con la tristeza que me dio su adiós
No lo puedo olvidar (No lo puede olvidar)
No lo puedo olvidar

Hoy... (Hoy) Que sus besos no están
Hoy... (Hoy) Sufre y llora mi corazón
Recuerde bien que en un rincón del mundo
Estoy con este gran dolor
Y no lo puedo olvidar (No lo puede olvidar)
No lo puedo olvidar

Tal vez seria mejor (Tal vez seria mejor)
Que no volviera jamás (Que no volviera jamás)
Pues, si retorna por mí (Pues, si retorna por ti)
Nuevamente el amor nos quemaria con su ardor

Él... (Él) Vive en mi corazón
Él... (Él) En mis lágrimas vivirá
Y ahora que muy sola estoy
Con la triteza que me dio su adiós
Ah, no lo puedo olvidar (No lo puede olvidar)
No lo puedo olvidar

Tal vez seria mejor (Tal vez seria mejor)
Que no volviera jamás (Que no volviera jamás)
Pues, si retorna por mí (Pues, si retorna por ti)
Nuevamente al amor nos quemaria con su ardor
Y no lo puedo olvidar! Yeah!

RITA PAVONE - 1965
* * *
NO ONE ELSE WILL EVER TOUCH ME
(Come te non c'è nessuno)
(Vassallo - Ebb)

No one else will ever touch me
all my love will be yours now
I could tell from the moment you kissed me
this was forever

* No one else will ever hold me
* I'll be locking the doors now
* there'll be no other arms to surround me
* oh, no, not ever

* And if they tell me
* I'm too young to be settling down
* I'll reply: Why should I wait around
* when I'm blessed with the best of all possible loves

* Other lips may try to win me
* but my darling I promise
* for today and tomorrow and always
* no one else will ever touch me

(instrumental)
* (repeat)

No one else will ever touch me
well, touch me... Oh, touch me...

RITA PAVONE - 1964
* * *
NO PRIGIONIERO NO
(Lina Wertmüller - Nino Rota)

Eh! No, prigioniero non ci sto! No, no!
E no! Prigioniero non ne voglio!
E no! Io piuttosto me la squaglio
In cerca di giustizia e di bontà!

Sì, Gian Burrasca, Gian Burrasca fuggirà
Viva la libertà!
E già! Gian Burrasca, Gian Burrasca fuggirà
Viva la libertà!

No! Garibaldi lo insegnò! No, no!
E Silvio Pellico lo scrisse
Che s'han da fare le sommosse
In nome dell'umana dignità!

E Gian Burrasca, Gian Burrasca fuggirà
Viva la libertà!
E già! Gian Burrasca, Gian Burrasca fuggirà
Viva la libertà!

(strumentale)

Gian Burrasca se ne va! Eh là!
E quando domattina quella porta s'aprirà
E più non troveranno Giannino chiuso qua
Ci resteranno tutti come tanti baccalà!
E ben gli stà! Ah, ah!

E no! Prigioniero non ci sto! No, no!
E no! Prigioniero non ne voglio
E no! Detto e fatto me la squaglio
In cerca di giustizia e di bontà!

Sì, Gian Burrasca, Gian Burrasca se ne va
Viva la libertà!
E già! Gian Burrasca, Gian Burrasca se ne va
Viva la libertà! Ah, là!

RITA PAVONE - 1964
* * *
NOI SIAMO NOI
(Castellano - Pipolo - Canfora)

Noi siamo noi. Noi siamo noi
Se tu vieni con noi, diventi noi
Che siamo tutti noi

Quelli che si fanno eliminare air ball
Non siamo mica noi, non siamo mica noi
Quelli che si fanno bruciare sulle basi
Non siamo mica noi, non siamo mica noi

Noi siamo quelli che
Battono le valli, derubano le basi
Noi siamo quelli che
Per conoscete bene, del baseball, il campion

Noi siamo noi. Noi siamo noi
Se tu vieni con noi, diventi noi
Che siamo tutti noi

Quelli che la palla non sanno trattenere
Non siamo mica noi. "-No, no!" Non siamo mica noi
Quelli chei si fanno mettere strike out
Non siamo mica noi, no, non siamo mica noi

Noi siamo quelli che
Corrono veloci, arrivano sul punto
Noi siamo quelli che
Per conoscete bene, del baseball, il campion!

Noi siamo noi. Noi siamo noi
Se tu vieni con noi, diventi noi
Che siamo tutti noi

Noi siamo noi. Noi siamo noi
Se tu vieni con noi, diventi noi
Che siamo tutti noi! Heee... Ah...

Noi siamo noi. "-Noi siamo noi.". Noi siamo noi
Se tu vieni con noi, diventi noi
Che siamo tutti noi! Hah, hah, hah!

Noi siamo noi. Noi siamo noi
Se tu vieni con noi, diventi noi
Che siamo tutti noi! Heh, dah, dah! Ah!

Noi siamo noi...

RITA PAVONE - 1971
Grazie ad A. Arenas per copiare il testo della canzone, soltanto sentindola del disco.
* * *
NOMÉS TU (Solo tu)
(L. Wertmüller - L. Enríquez - A. Martínez)

Amor, meu
Voldria que no t'enfadessis
I, si t'he fet mal, que pensessis
Que el mateix mal m'he fet
I em sap greu perqué
Van ser paraules dites sense voler

Perdona'm doncs, perdona'm doncs
Jo no lo volia

Aquelles paraules que sé que vaig dir-te
Vaig dir-les potser per ferir-te
I el mal me l'he fet jo, que no vaig pensar
I ara, si no em perdones, sols puc plorar
Sola, sola

Tu, tan sols tu, només tu
No en se un altra, no hí ha pas ningú
Per que tu, per que tu
Ets la meva vida... Yeah!

I el meu corp sap molt bé
Que per mi, que per mi
No hi haurá cap amor sinó el teu
Per que tu, per que tu
Ets la meva vida... Yeah!

(instrumental)

I el mal me l'he fet jo, que no vaig pensar
I ara, si no em perdones, sols puc plorar

Tu, tan sols tu, només tu
No en se un altra, no hí na pas ningú
Per que tu, per que tu
Ets la meva vida... Yeah!

I el meu cor sap molt bé
Que per mi, que per mi
No hi haurá cap amor sinó el teu
Per que tu, per que tu
Ets la meva vida

I el meu cor sap molt bé
Que per mi, que per mi
No hi haurá cap amor sinó el teu
Per que tu, per que tu
Ets la meva vida...

RITA PAVONE - 1966
* * *
NON ASPETTO NESSUNO
(Meccia - Ciacci)

Non aspetto nessuno
Non aspetto mai niente
Niente che può cambiare
Questo giorno che muore

Questo giorno che muore
Quando viene la sera
È una lacrima amara
Dedicata al mio amore

A un amore che mai (Mai)
Ha sofferto per me (Te)
E ha sciupato un'amore grande
Forse più grande di lui

Non aspetto nessuno
Chi è partito, non torna
Niente può più cambiare
E non serve pregare

E non serve pregare
O mentire al mio cuore
Non si può più salvare
Questo amore che muore

Lui non tornerà mai (Mai)
Si è stancato di me (Te)
E ha sciupato un amore grande
Forse più grande di lui
E sono sola per sempre ormai
E sono sola per sempre ormai

(strumentale)

Lui non tornerà mai (Mai)
Si è stancato di me (Te)
E ha sciupato un amore grande
Forse più grande di lui
E sono sola per sempre ormai
E sono sola per sempre ormai
E sono sola per sempre ormai
E sono sola per sempre ormai...

RITA PAVONE - 1964
* * *
NON C'È UN PO' DI PENTIMENTO
(Gianni Meccia)

E non c'è un po' di pentimento in te
Non c'è un'ombra di compianto per me
Tu non pensi che a te e non ti curi di me

Vai dicendo in giro che tu sai
Che son finti tutti i pianti miei
È una scusa e lo fai per fare quello che vuoi

Adesso so (Adesso, adesso so)
Eh, eh, che tipo sei (Che tipo, tipo sei)
E d'ora in poi (E d'ora e d'ora in poi)
Non piangerò! No, non mi fa paura
Restare senza di te!

Ah, ah, e non c'è un po' di pentimento in te
E non c'è un'ombra di rimpianto per me
Tu non pensi che a te e non ti curi di me, eh, yeah...

(strumentale)

Adesso so (Adesso, adesso so)
Eh, eh, che tipo sei (Che tipo, tipo sei)
E d'ora in poi (E d'ora e d'ora in poi)
Non piangerò! No, non mi fa paura
Restare senza di te!

Ah, non c'è un po' di pentimento in te
E non c'è un'ombra di compianto per me
Tu non pensi che a te e non ti curi di me, eh, eh, eh...

E non ti curi di me, eh, eh, eh
E non ti curi di me, no, no, no, no
E non ti curi di me, no, no, no, no
E non ti curi di me... E non ti curi di me...

RITA PAVONE - 1963
* * *
NON DIMENTICAR LE MIE PAROLE
(D'Anzi - Bracchi)

Se mi vuoi bene
Non dimenticar le mie parole
Caro, tu non sai cos'è l'amor
È una cosa bella più del sole
E più del sole dà calor

Scende lentamente nelle vene
E, e pian, piano giunge, giunge fino al cuor
Nascono, così, le prime pene
E con i, con i primi sogni in or

E ogni, e ogni cuore, ogni cuore innamorato
Si consuma sempre più
E tu che ancor, tu che ancor non hai amato
Forse, forse non mi sai capire tu

E non, non dimenticar le mi parole
Oh, io che, io caro, t'amo tanto, tanto da morir
Tu, tu per me sei, forse, più del sole
E non mi fare più soffrir!

RITA PAVONE - 1967
* * *
NON È FACILE AVERE 18 ANNI
(Bernabini)

Non è facile avere diciott'anni
Non è facile amare così
No, non è facile perché tu
Tu non ti accorgi di me
Forse pensi che io a questa età
Sia incapace d'amar

No, no! Non è facile
Dirti: "Ti voglio bene"
Perché, perché ormai lo so
Tu, tu rideresti di me

No, non è facile! No, non è facile!
Quando di ama come io amo te!

(Non è facile aver diciotto anni
 Non è facile amare così)

Oh, no, no... No, no, no
E no... Non è facile! No! Non è facile
Quando si ama come io amo te!

RITA PAVONE - 1963
* * *
NON È GIUSTO
(Lina Wertmüller - Nino Rota)

Non è giusto
Di picchiarmi per una cosa
Da me commessa il mese passato

E non è giusto
Di punirmi per una cosa
Che mi son quasi dimenticato

E non è giusto e non si fa
Questo è proprio crudeltà!
*Mascalzone, vieni qua!

E non è giusto! Ma perché?
*Vieni subito da me
*O sarà peggio per te! Vieni da me!

(la voce della mamma [Valeria Valeri] gridando con Giannino [Rita Pavone])

No, no, no, no! Non è giusto
E non accetto ceffoni
Per una cosa ch'era passata liscia

Non è giusto
Di pecche ti incolpassi
Quando è passato nessuna traccia lascia

*E sarà peggio per te!
E ne approfitti sol perché?
Tu sei grosso più di me!

Dovresti essere un babbeo!
*Io vi insegno il galateo!
Ah, da macchiati, caro mio? Caro mio!
*Vieni qua!

(le voci della mamma e Giannino gridando al medesimo tempo)

No, no, no, no! Non è giusto
Con codesto sistema tutto persino
Darmi dei manrovesci

Molti ingiusti
Per aver fatto pipì a letto
Tanti anni fa, che ero ancora in fasce

Ah, non mi piace, sai papà?
Non è giusto, non si fa!
*Mascalzone, vieni qua!

Dovrei prendermi qua su!
*Scendi giù! Ah, vieni su!
*Scendi giù! Ma, vieni su!
*Scendi gù! Cucù! Ah, ah?! Fossi matto!

RITA PAVONE, * IVO GARRANI (il babbo) & VALERIA VALERI - 1964
* * *
NON SEI PIÙ TU
(L. Michelini)

Non sei più tu
Che dovrai far la guardia
A tutti i miei pensieri, ai sogni miei

Non sei più tu
Che dovrò fingere d'amare
In ogni modo, ogni momento

Non sarò io
Che dovrò dirti come e quando
Dovrai andare via, lontan da me

Lo capirai
Dall'espressione dei miei occhi
Quando tu li cercherai

Ora c'è lui
Che mi porta a un nuovo mondo
Ora c'è lui che mi porterà lontano

Non sarai tu
A sveglarmi all'improvviso
Non sarai tu, oh non

Non sei più tu
A cui dovrò dire parole
Che il mio cuore ormai non sente più

Non sei più tu
Per cui dovrei ricominciare
A illudermi ancora un poco

Non sarò io
Che dovrò dirti come e quando
Dovrai andare via, lontan da me

Lo capirai
Dall'espressione dei miei occhi
Quando tu, tu li cercherai

Ora c'è lui
Che mi porta a un nuovo mondo
Ora c'è lui che mi porterà lontano

Non sarai tu
A sveglarmi all'improvviso
Non sarai tu, oh non

Non sei più tu
Non sei più tu.

RITA PAVONE - 1971
Grazie ad A. Arenas per copiare il testo della canzone, soltanto sentindola del disco.
* * *
NOSTALGIA
(V. Bezzi - C. Arden - G. Claudio)

(Nostalgia... Oh, oh, oh, oh, oh, oh... Oh, oh... Oh...)

Nostalgia, un male che non sa guarire
E negli occhi il tuo viso che sorride ancora

Nostalgia di te che mi consuma d'amore
E che fa lunghe queste mie notti senza di te

Nostalgia... Il tempo si fermato allora
Tu, tu piangevi per me, per me che andavo via

Nostalgia di te che mi consuma d'amore
E che mi tiene legata ancora a te

(Nostalgia) "-Un male che no sa guarire."
(Nostalgia) "-Nostalgia: il tuo viso che non so dimenticare."

Nostalgia di te che mi consuma d'amore
E che mi tiene legata ancora a te

(Oh, oh, oh, oh, oh, oh... Oh, oh... Oh...).

RITA PAVONE - 1969
* * *
NOSTALGIA DI CASA
(Lina Wertmüller - Nino Rota)

Stasera c'è qualcosa che non va nell'anima mia
Stsera c'è qualcosa che mi dà nostalgia

* Chi sa di che? Chi sa perché?
* Voglio restar solo con me

* Rimango que senza poter trovar un po' d'allegria
* Forse, chi sa? Vorrei poter tornar a casa mia

* (ripetere)

Casa mia, casa mia.

RITA PAVONE - 1964
* * *
NOTTE NERA
(S. Polidori)

È una notte nera
Come la mia vita
E non c'è più una luce
Che mi possa riportare a lui

Io non ho più voce
Per chiamarlo ancora
Io non ho più lacrime
Le ho perse ricordando lui

Notte, notte nera senza lui
Nera senza lui, buia come me
Vita, vita vuota senza amor
Vuota senza i baci suoi

Vivo, vivo nel ricordo suo
Con i sogni miei, col dolore mio
Passa il tempo, scorre via con lui
Ma non so scordarlo mai

Sempre più vicino
Sento il tuo richiamo
Forse è solo il vento
Che trascina la tua voce qui

Questa lunga attesa
Non finisce mai
Sarà sempre buio
Se non ritorni qui da me

Oh, notte, notte nera senza lui
Nera senza lui, buia come me
Vita, vita vuota senza amor
Vuota senza i baci suoi

Io vivo, vivo nel ricordo suo
Con i sogni miei, col dolore mio
Passa il tempo, scorre via con lui
Ma non so scordarlo mai

Notte, notte nera senza lui
Nera senza lui, buia come me
Vita, vita...

RITA PAVONE - 1970
* * *
NOW I LAY ME DOWN TO SLEEP
(Skeeter Davis - Carolyn Penick)

Now I lay me down to weep
count my tears instead of sheep
say my prayers, turn out the light
but I just lay and weep all night

Now I lay me down to cry
pray the Lord that I might die
but each morning I awake
and listen no my poor heart break

If only I could sleep at night
I'd dream that you would hold me tight
but I can't dream if can't sleep
so I'll just lay me down to weep

Sleep won't come to crying eyes
and my heart can't realize
that you're in another's keep
so I'll just lay me down to weep

(instrumental)

I'll just lay me down to weep
I'll just lay me down to weep.

RITA PAVONE - 1965
Note: The correct title is "NOW I LAY ME DOWN TO WEEP". This song was based on the Christian prayer favoured by the young called "Now I lay me down do sleep".
* * *
NOW THAT YOU'RE GONE (Che m'importa del mondo)
(Migliacci-Enríquez)

Are the stars in the heaven
not as bright as before?
Could they be sad and blue like me
now that you're gone?

And the song birds that used to sing
won't they sing anymore?
There's no way, there's no place for me
now that you're gone?

Where is the laughter
that we used to share?
Where is the joy we knew
oh, where? Oh, where?

RITA PAVONE - 1993
Note: Even though it's titled "Now that you're gone", many Pavone fans know it as "Are the stars in the heavens".
* * *

Um comentário:

  1. 'Nostalgia di casa' is such a melodic and wistful song... along side with 'Addio giornalino' and 'Un amico' is my favourite 'Gian Burrasca' song. It reminds me of a dear friend of mine who has already left us... dear Silvia Paula Jentsch...

    ResponderExcluir